Genoa-Roma 4-1, per i giallorossi 5 punti in 6 partite

Josè Mourinho in Genoa-Roma

Gudmundsson e Retegui inaugurano il punteggio nel primo tempo, seguiti da Thorsby e Messias che segnano altri due gol. Per la Roma solo 5 punti nelle prime 6 partite.

In una partita che ha concluso la sesta giornata di Serie A, il Genoa ha sconfitto la Roma con un risultato di 4-1. Presso lo stadio Ferraris, la squadra di Gilardino ha preso il controllo del match già al 5′ grazie a un gol di Gudmundsson. Dopo il pareggio di Cristante al 22′, il Genoa ha ripreso il vantaggio al 45′ con un magnifico gol di Retegui. Tuttavia, è nella seconda metà della partita che la squadra di Mourinho ha ceduto. Mentre cercava il pareggio, prima Thorsby al 74′ e poi Messias all’81’ hanno segnato i gol che hanno portato il Genoa a vincere con un poker di reti. La Roma ha ottenuto solo 5 punti in sei partite, ed è stata superata in classifica proprio dal Genoa.

Che Alberto Gilardino come allenatore della sesta squadra in Serie A potesse superare José Mourinho, uno dei più vincenti allenatori di tutti i tempi, è stata una sorpresa inaspettata. Tuttavia, al Ferraris, il Genoa neopromosso ha ottenuto una vittoria trionfale nel massimo campionato, con un risultato di 4-1 che ha segnato il crollo della Roma, sia in campo che in classifica. La squadra capitolina ora si trova a soli cinque punti dopo sei giornate, una situazione che non si verificava da ben 13 anni. Il Genoa ha ottenuto la vittoria sfruttando al massimo le proprie risorse, grazie a un primo tempo di grande intensità e sfruttando al meglio le occasioni create dai suoi migliori giocatori, Gudmundsson e Retegui, che hanno dominato a tratti il campo di gioco. Per la Roma, la sconfitta è stata amara, lasciando il campo con la testa bassa e salutando i propri tifosi, con ben 11 gol subiti e una fragilità che non si era mai vista nemmeno durante l’era dello Special One.

Nel primo tempo, il Genoa ha offerto una prestazione moderna e intensa, mentre nella ripresa ha mostrato grande carattere. Il ritorno alla formazione 3-5-2, dopo alcune partite con una difesa a quattro, ha permesso ad Alberto Gilardino di apportare qualità tecnica al centrocampo con Badelj (poi sostituito da Thorsby a causa di un infortunio) e Strootman (poi sostituito da Frendrup a causa dell’infortunio dell’olandese). Questa formazione ha inoltre creato spazi e linee di gioco per le azioni di Gudmundsson e Retegui. L’islandese, già autore di un gol al 5′ grazie a un recupero palla alto e a un tiro rasoterra impeccabile dall’interno dell’area, è stato protagonista nel creare l’azione che ha portato al nuovo vantaggio del Genoa dopo l’1-1 di Cristante al 22′ con un bel colpo di testa. Prendendo il possesso palla sulla sinistra, Albert ha superato tre avversari e ha trovato Thorsby in area, il quale ha permesso a Retegui, vero centravanti, di segnare il terzo gol in campionato con un controllo di sinistro e un tiro preciso nell’angolino.

Nel secondo tempo, la Roma ha subito dei cambiamenti sia a causa dell’infortunio di Llorente a metà del primo tempo, sia per la sostituzione del nervoso Mancini . Il 4-2-3-1 adottato da Mourinho ha trovato un Genoa più compatto e meno arrogante, consapevole della necessità di conservare le energie per non ripetere gli errori del passato. Così, la sfida si è spostata nella metà campo del Genoa senza però che Dybala e Pellegrini riuscissero a servire il pallone giusto a Lukaku (l’unica occasione è stata annullata per fuorigioco del belga). Nemmeno le avanzate di Spinazzola e Kristensen sulle fasce hanno portato risultati. Al contrario, è stato il Genoa a essere letale, infilando il terzo gol al 74′ su sviluppi di un calcio d’angolo con Thorsby, e segnando anche il quarto gol all’81’ con il neoentrato Messias al suo debutto stagionale.

Quattro gol che hanno dato il via alla celebrazione al Ferraris rossoblù e hanno segnato la fine della serata ligure della Roma e di Mourinho. Una situazione così negativa che sembra quasi irreale, ma che evidenzia una crisi di identità totale e completa.

Telegram seguici su Telegram per pronostici extra e sessioni live!

Scommesse Multiple | Scommesse Live

Sisal Logo
Bonus fino a 5.250€
Fino a 5.000€ Salva il Bottino +250€ Scommesse. T&C Sisal.it

NEWS